I luoghi di Francesco

I luoghi di Francesco

4 giorni / 3 notti GUBBIO – ASSISI
1° giorno – GUBBIO

Arrivo a Gubbio, visita della città con particolare attenzione ai luoghi di Francesco. Gubbio è la città che vide la sua piena conversione, si inizia con la visita della Chiesa di San Francesco, opera dell’architetto Fra’ Bevignate, situata nello stesso sito dove precedentemente si trovava la residenza degli Spadalonga.
Francesco, nei primi giorni di febbraio 1207, in un rigidissimo inverno, coperto solo da un rozzo camiciotto, attraversò le colline che separano Assisi da Gubbio. Aveva rinunciato ai beni della sua famiglia e si era spogliato dei suoi vestiti. Dopo un cammino di tre giorni durante i quali fu anche gettato in un fossato pieno di neve da alcuni ladroni, raggiunse la casa del suo amico Federico Spada (detto spadalonga perché alto e magro). Qui venne rifocillato e rivestito con una tunica fatta di una stoffa povera e rozza di color grigio, che rappresenterà il primo abito dell’Ordine francescano.
Si prosegue per la chiesa di San Francesco della Pace dove è custodito il sarcofago del lupo ammansito dal Santo.
In quei tempi sulle colline interno a Gubbio vi erano tanti lupi, uno in particolare si avvicinava alla città spaventando gli abitanti. Francesco andò incontro al Lupo “Fratello Lupo perché hai fatto del male ai tuoi fratelli uomini? Tutti ti odiano Fratello Lupo, hanno paura tutti di te, devi smetterla. … io sono tuo fratello e voglio che ci sia pace fra te e gli uomini, così sarete tutti tranquilli in questa città”. Quando il Lupo capì il suo errore scrollò la testa, fu allora che Francesco disse agli abitanti di Gubbio: “Il Lupo vuole vivere in pace con voi, lo desidera veramente. L’importante che mi promettiate che voi gli darete da mangiare al vostro nuovo Fratello”. Da quel giorno, grazie a Francesco e alla buona volontà sia del Lupo che dai cittadini di Gubbio, era tornata la pace e il Lupo passava a trovare gli abitanti, che gli davano da mangiare come promesso. Il Lupo era diventato il cane di tutti, era diventato anche l’amico di tutti i bambini. E quando morì, alcuni anni dopo, tutti gli abitanti piansero perché avevano perso il loro caro amico Fratello Lupo e lo seppellirono.
La Chiesa di San Francesco della Pace fu edificata nel 1600. Ai primi del Novecento nel corso di scavi all’interno della chiesa fu rinvenuto un sarcofago con sopra disegnato un lupo. (Si pensa fosse questa la tomba del lupo di Gubbio). Nella chiesa sono inoltre conservati i Ceri ‘mezzani’ e le statuette di S. Ubaldo, S. Giorgio e S. Antonio collocate in cima ai Ceri nella celebre festa del 15 maggio. Il quadro rappresentante la Madonna con il Bambino e Santi è opera di Giovanni B. Michelini da Foligno.
Pranzo presso ristorante San Francesco e il Lupo: Il Ristorante Pizzeria San Francesco e il Lupo si contraddistingue per la qualità della sua cucina e per la sua ubicazione, si trova nel pieno centro storico della città di Gubbio. Dal Ristorante si può raggiungere a piedi facilmente ogni monumento della città di Gubbio come il Palazzo dei Consoli e la famosa piazza pensile che tutto il mondo invidia alla città. Il Ristorante offre un menu squisito formato dai piatti tipici della città e della tradizione Umbra.
Nel pomeriggio visita della Chiesa della Vittorina chiamata anche la ‘Porziuncola’ di Gubbio, il luogo dove il Santo ha fondato la sua prima comunità religiosa.
La costruzione della chiesa di Santa Maria della Vittorina sembra risalire al secolo IX in memoria di una vittoria sui barbari: da qui il nome “ad Victorias”. All’interno, le pareti dell’unica navata, vengono arricchite, nel Quattrocento, con decorazioni a fresco, mentre sono seicenteschi i quattordici quadretti con le storie della Madonna. Cena e pernottamento in hotel.

2° giorno – GUBBIO

Prima colazione in hotel e visita della Cattedrale di Gubbio, in stile gotico dove giace il corpo del Vescovo Villano che accolse Francesco e donò alla prima comunità francescana la chiesa della Vittorina.
Pranzo Taverna del Lupo: rappresenta uno storico pilastro della cucina umbra e di quella eugubina rivisitate in chiave moderna. Il ristorante offre ai clienti solo piatti di alto livello, preparati con le più pregiate risorse della terra eugubina.
Nel pomeriggio salendo con la funivia si raggiunge la Basilica di Sant’Ubaldo. Francesco conobbe il vescovo eugubino, morto nel 1160 e già tanto venerato, attraverso le parole ed i racconti del suo amico Spadalonga.
Ancora oggi S.Ubaldo, diventato patrono di Gubbio, custodisce e protegge il popolo eugubino. Ogni 15 maggio si svolge a Gubbio la Festa dei Ceri in suo onore. Visiteremo la Basilica a lui dedicata, che ancora custodisce il suo corpo incorrotto, con annesso un piccolo museo delle memorie Ubaldiane. Ritorno in città pernottamento e cena in Hotel.

3° giorno – GUBBIO – ABBAZIA DI VALLINGEGNO – GUBBIO

Prima colazione in hotel e con la macchina elettrica la visita dell’Abbazia Vallingegno (circa 10 Km da Gubbio). L’imponente struttura è ben visibile anche da lontano.
Qui Francesco nel suo cammino per arrivare a Gubbio si era fermato per ripararsi dal freddo, dopo essere stato aggredito dai ladroni nei pressi di Caprignone. Per ripagare l’ospitalità si offrì di fare lo sguattero in cucina. L’accoglienza del priore non fu delle migliori. Anni dopo, quando la sua fama divenne grande in tutto il territorio, il priore torna a chiedergli perdono. Così nei frequenti passaggi verso La Verna, Francesco riceverà spesso ospitalità a Vallingegno. L’Abbazia, una delle maggiori della zona, è costituita da un’aula rettangolare e da strutture preesistenti come la cripta a pianta quadrata con pilastro centrale. Le case coloniche, nate posteriormente intorno alla corte, hanno occupato i grandi ambienti che originariamente ospitavano le officine del monastero. Pranzo presso l’Abbazia e nel pomeriggio ritorno a Gubbio. Pernottamento in hotel.

4° giorno – GUBBIO – ASSISI – GUBBIO

Prima colazione in hotel e partenza per Assisi con auto elettrica. Visita guidata dei luoghi di maggiore interesse: la Basilica di S. Francesco, capolavoro architettonico che racchiude il meglio dell’arte italiana del medioevo tra cui Giotto e Cimabue; la Piazza del Comune, centro di Assisi, luogo su cui si affacciano i palazzi più importanti della città: il Palazzo del Capitano del Popolo, Palazzo dei Priori, la sede della Torre del Popolo, ed il Tempio di Minerva, costruzione di origini romane dell’età repubblicana, trasformata nella Chiesa di Santa Maria Sopra Minerva (il Tempio di Minerva conserva intatte, a distanza di più di duemila anni, le sei colonne corinzie e la facciata); la Cattedrale di San Rufino, luogo in cui San Francesco tenne la sua prima predicazione e dove Santa Chiara incontrò il Vescovo Guido; la Basilica di Santa Chiara, edificata nel 1257, di stile gotico, rivestita con la famosa “pietra di Assisi” di colore bianca e rosa: qui si trova la cripta della Santa. Come per tutti i luoghi francescani, appena fuori Assisi si viene accolti da panorami mozzafiato che ispirano dolcezza e tranquillità.

Quota per persona in camera doppia € 458,00
Supplemento camera singola su richiesta
Supplemento camera doppia uso singola su richiesta
La quota comprende:

2 giorni noleggio auto elettrica
n. 3 pernottamenti con prima colazione allo Sporting Hotel 4*
n. 3 pranzi in ristorante
n. 2 cene in hotel
Servizi di City Service sul territorio eugubino
Assicurazione

La quota non comprende:

Ingressi a Musei o siti archeologici
Tassa di soggiorno da pagare in loco
Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”.

Quote valide per minimo 2 partecipanti

 

Scarica l’itinerario